Il sabato della Polverosa, di A. Berti


La Polverosa 2015 ciclostorica

Il sabato de “La Polverosa “ è da sempre qualcosa di speciale. La mostra scambio di biciclette d'epoca e ricambi vari è attiva già dalla buon'ora; i collezionisti non hanno tardato a riempire la piazzetta per rovistare tra i vari banchetti in cerca di corone, cambi, freni e ferracci vari.

La mattinata passa in fretta e già dal primo pomeriggio si entra nel vivo con la pedalata gourmet.
Una sessantina di partecipanti rigorosamente in stile tweed hanno scorrazzato per la campagna parmense guidati e assistiti da le conducteur monsieur Nicola Gandolfi.
Tra assaggi di prosciutto e degustazioni di Parmigiano Reggiano i pedalatori della gourmet hanno potuto assistere ad una sfida velocipedistica davvero mozzafiato.
Il campo di battaglia è stato l'ippodromo di Montechiarugolo. I destrieri cavalcati erano velocipedi rigorosamente antecedenti agli anni trenta e la formula è stata quella del “vince chi va più forte”: due giri cronometrati per un totale di 1600 metri da fare a tutta.
La sfida è stata una cosa seria e le facce dei velocipedisti al termine della loro frazione erano lo specchio impietoso dell'impegno richiesto. Sì perché milleseicento metri sono una distanza difficilissima da interpretare: se si esagera all'inizio poi ci si spegne agli ultimi metri e il cronometro intanto corre inesorabilmente, se invece ci si risparmia, poi gli avversari vanno di più; la bellezza della pista è anche questa.
Una sfida dura, difficile ma bella da vivere. Bisogna dire però che anche chi era li a guardare non se l'è passata male tra ciclisti dagli improbabili costumi, tanta torta fritta e salumi vari nonché la compagnia di un commentatore tecnico d'eccezione che rispondeva al nome di Franco Balmamion.
Dopo la riunione su pista via veloci verso altre tappe enogastronomiche, fino al tardo pomeriggio quando - sfiancati dal caldo torrido, stremati da soste salumi, formaggi e dalla malvasia secca - una doccia veloce ha ripristinato la forma; poi sotto con la scuola di ballo in piazza, non prima di aver ascoltato i campioni della SCIC, Vittorio Adorni, Balmamion, Baronchelli & company.
I Boogie Airlines hanno allietato la serata con le loro musiche anni '50. A mezzanotte tutti a dormire perché La Polverosa è una corsa dura: domani si fa sul serio.
Per la cronaca il podio della pista è il seguente: Del Monte, Segalini, Croci.

Alessio Berti

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

La Polverosa 2015 ciclostorica

Tutte le immagini su: https://plus.google.com/u/0/photos/108078142797027803727/albums/6160509558280621409
 
 





 

 

Aggiungi commento

Se non hai fatto il login, per la pubblicazione dovrai aspettare l'intervento dell'amministratore del sito.


Codice di sicurezza
Aggiorna